Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
22 Giugno 2024
No menu items!
HomePrimo PianoSeconda serata letteraria

Seconda serata letteraria

Decisamente emozionante la seconda serata letteraria “Equilibri tra Storie e poesie” del 2 dicembre, che ho avuto il piacere di introdurre e che fa seguito alla prima serata del 29 ottobre, organizzate da Angelica Piras e Marina Piras nell’ambito delle iniziative promosse dall’associazione Equilibri, Circolo dei Lettori di Elmas. Anche in questa occasione era presente un nutrito pubblico. Marina ha svolto il ruolo di coordinatrice e lettrice, mentre erano presenti come ospiti Chiara Romeo, che ha presentato il suo primo romanzo “Cambio di residenza”, e Angelica Piras che ha letto alcune sue poesie e alcuni brani del suo libro “Regina delle ombre in azulu bisendi”.

Anche in questa seconda serata si è continuato a sperimentare la formula, che prevede l’incrociarsi e lo scambio delle esperienze, anche personali, di chi scrive, storie  e poesie appunto, con quelle di chi ascolta. Come Marina ha sottolineato nell’apertura dell’incontro, un obiettivo importante di queste serate è appunto quello di concentrare l’attenzione sulle ‘persone’, poeti/poetesse e scrittori/scrittrici di prosa. Le opere presentate, siano esse in prosa o poesia, rappresentano quindi il tramite per arrivare a conoscere la persona che le ha realizzate.

Entrambe le scrittrici si commuovono nel raccontare esperienze di vita anche intime e drammatiche, con l’espressione coraggiosa di chi ha sofferto per un dolore che ha segnato profondamente la loro esistenza, ma si sono sempre rialzate. Entrambe sono animate da uno spirito combattivo e da una gran voglia di vivere, che nella visione di Angelica si colora di “azzurro” e in quella di Chiara è un  viaggio che oltrepassa gli “scogli” del cambio di residenza.

Ci saranno stati più ascoltatori/ascoltatrici ad immergersi o anche ad immedesimarsi in questi racconti e a verificarne l’impatto quasi  “terapeutico” , in quanto, aldilà della sofferenza,  stimolano il desiderio di vivere.

Anna Musinu

Articoli correlati

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti