7 Maggio 2021
No menu items!
HomeRubricheRaccontiTautogramma con C

Tautogramma con C

Casuali coincidenze

creano celeri conseguenze:

Coronavirus, contatto, contagio, clima,

contaminazione, cause,  crisi, Cina,

circoscrivere cinesi, combattere, collaborare,

competenze, camere, curare convalescenti, camici,

chinino, cagionevoli, capezzale, calvario, caducità,

crudelmente, cadaveri, cremazione, consolazione,

compiangere,commozione, col cuore, cucire, cucitrice,

coraggio, correre, ciclisti, calcio, camminare con cane, capelli,

circolazione, code, caserme, carabinieri, città, comunicazioni,

chiamate, chiacchiere, contravvenzioni, crociere, capitano,

Caritas con cittadini caritatevoli, collette, carcerati, clandestini,

conventi, clausure, cerimonie, classi, chiese, cimiteri chiusi,

clan criminali, canaglie, cinismo, cattivogusto, chisenefrega, claustrofobia,

codice, coercitivo, calendario, candeggina, cantanti, canzoni,

chitarre, cronaca, culmine, curva, controllo, cautela,

cataclisma, casomai, coesione, cruciverba, cortile, cielo,

cinguettii, casa, Covid-19.

Capitalismo: che cosa cambierà?

Collettività: capire, credere, convincerci che ci conviene cambiare.

 

Marina Cozzolino

1 aprile 2020

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Bravissima Marina. Non pura tecnica o esercizio retorico, e già questo non è facile, ma parole legate da senso, che sembra si diano una mano e l’una sia funzionale all’altra, dunque poesia. Mi viene in mente, a proposito di lettera C la parola Caos: l’universo nato dal caos che nel millenni trova il suo assetto, E oggi cosa nascerà dal caos?

  2. Graficamente “Tautogramma con C” è una poesia: righe, più o meno estese, che ad un colpo d’occhio, anche prima della lettura, rimandano ad una tipica pagina con versi dove prevale lo spazio bianco non scritto.
    Marina si è imposta una regola, una costrizione (usare solo parole che comincino con la lettera “c”, come covid-19), degli ostacoli che ha poi superato con intelligenza.
    Voglio dire che sarebbe sbagliato vedervi un mero gioco di e con le parole. C’è la poesia – è data poesia.
    E c’è l’attenzione concentrata su questo Morbo in gran parte sconosciuto che aspramente ci grava e imperversa senza confini.
    E gli ultimi due versi – una sintetica considerazione sulle nostre società.

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti