venerdì, Aprile 16, 2021
Home Rubriche Recensioni “Parole. Fluttuando sull’epistemologia della lettura” di Roberto Paracchini, Aracne editrice, 2020

“Parole. Fluttuando sull’epistemologia della lettura” di Roberto Paracchini, Aracne editrice, 2020

Il libro di Roberto Paracchini, giornalista e scrittore da anni impegnato nel campo della divulgazione scientifica, spazia tra le neuroscienze, la fisica, la meccanica quantistica e altre scienze e ha certamente un fine molto complesso. È sicuro che la dimostrazione di come noi percepiamo la realtà come singoli individui è estremamente difficile da dimostrare. Altre ricerche e una comprensione più approfondita saranno necessarie per arrivare a delle conclusioni.

Il libro, rivolto alla ricerca di una interpretazione delle dinamiche conoscitive e più in generale delle interazioni tra il “cervello umano” e la “lettura”, ha comunque suscitato in noi un notevole interesse, seppure per certi versi sia risultato un po’ ostico. Più in generale il libro tratta, con un approccio prevalentemente epistemologico, l’individuazione delle correlazioni tra il “cervello umano in se’“ e tutto ciò che è “altro da sé” per arrivare alla definizione più complessa del “cervello-corpo-ambiente”. Ciò che può cogliere un lettore che non abbia competenze in materia, è che si tratta di un testo complesso di carattere interdisciplinare, che corrobora le diverse interpretazioni e definizioni spaziando dalla filosofia, all’epistemologia, alla letteratura recente e non, attraverso un’ampia gamma di citazioni di autori di grande rilievo. Il libro appare pertanto rivolto ad un pubblico ristretto che possieda, oltre ad uno spessore culturale di base, adeguate conoscenze e competenze di epistemologia. Per meglio comprendere il testo sarebbe opportuno leggere almeno una parte della letteratura del neurologo Antonio Damasio alla quale l’autore fa riferimento.

Nel libro, più che intorno allo specifico tema della “lettura”, gran parte del discorso è costruito e incentrato sulla “narrazione” o “storia”. Inoltre, come si riferisce  nel Capitolo 3 (pag. 79) i termini “storia”, “racconto” e “narrazione “ vengono usati come se si trattasse di sinonimi, mentre, come riportato nel seguito, diversi studiosi pur individuando forti interrelazioni tra loro. La lettura in tal senso potrebbe costituire un passo ancora successivo e richiederebbe un approfondimento specifico in relazione all’attività dell’area corpo-cervello. Anche questo apprendimento può avvenire solo a seguito di uno studio di parte della letteratura citata.

Un aspetto molto interessante del libro riguarda la definizione dei “neuroni mirror” o “neuroni specchio” richiamati in diversi capitoli, in cui vengono sottolineati “gli aspetti funzionali al discorso della lettura” …. Si tratta di neuroni “dislocati in diverse aree del cervello e che permettono di vivere eventi ed emozioni senza un’azione di cui si sia direttamente protagonisti, ma anche in modo indiretto: leggendo, vedendo o immaginando una determinata situazione motoria e/o emozionale” (cap 6 pag 40) .

Per quanto riguarda gli aspetti peculiari della “narrazione”, di grande interesse risultano le definizioni di “narrante” (colui che scrive) e “narratario” (colui che legge e fruisce la storia).  Come descritto a pag. 76 del Capitolo XII, il soggetto “narrante” costituisce l’ ”elemento attivo, protagonista che tramite la narrazione trasfigura l’oggetto del racconto facendolo diventare raccontato”. In tal senso anche il narratario “ricostruisce e rivive la storia …. anche grazie alla complessità che caratterizza le interazioni interne al nostro stesso organismo indissolubile corpo-cervello, più l’ambiente” assumendo quindi egli stesso il ruolo attivo di “narrante”. Questo è in accordo con quanto alcuni di noi spesso riferiscono sulla loro peculiare interpretazione e immersione nella lettura tanto da arrivare a definire “amici” diversi protagonisti di una storia letta, nella quale sia i protagonisti che il lettore svolgono a tutti gli effetti un ruolo attivo e dinamico.

Recensione a cura di Anna Musinu e Mariano Casu

 

 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Marina Cozzolino on Attesa
Martino Marangon on Statuto
Marina Cozzolino on La giornata della Memoria
Gabriele Soro on Migranti
Gabriele Soro on Sera
Gabriele Soro on Il mito Maradona
Marina Cozzolino on Da una finestra
Marina Cozzolino on Tre settimane di primavera
Tonino Sitzia on Ricordi e odierno tran tran
Gabriele Soro on Tre settimane di primavera
Marina Cozzolino on Ricordi e odierno tran tran
Marina Cozzolino on Maria Lai
Gabriele Soro on Haiku e brevi riflessioni
Tonino Sitzia on Ancora una intervista
Marina Cozzolino on Che fare?
Tonino Sitzia on 25 aprile
Marina Cozzolino on 25 aprile
Gabriele Soro on 25 aprile
Marina Cozzolino on Da un’intervista e da un libro
marina cozzolino on Pasca Manna
Tonino Sitzia on Tautogramma con C
Gabriele Soro on Tautogramma con C
Tonino Sitzia on L’Urlo
Gabriele Soro on L’Urlo
Angelica on La Poesia
Tonino Sitzia on La giusta ansia
Marina Cozzolino on La giusta ansia
Tonino Sitzia on Ma tu ci credi?
Tonino Sitzia on LA FARFALLA E LE ROSE
Marina Cozzolino on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on LA FARFALLA E LE ROSE
Pinuccio on Frammenti di versi
Gabriele Soro on Poeti e poesie
Marina Cozzolino on Patagonia
Gabriele Soro on Il ritorno
Tonino Sitzia on Oblio e memoria
Marina Cozzolino on El despertar de Chile
Gabriele Soro on El despertar de Chile
Ximena Valenzuela on El despertar de Chile
Rosa Pina Mura on Le umili piante de Su Stani
gabriele soro on Le umili piante de Su Stani
Marina Cozzolino on Latitudini
Monica Fontanarosa on L’immenso (Antonio Pasquetto)
Marina Cozzolino on Haiku
Tonino Sitzia on La Terra Azzurra
Tonino Sitzia on Su Cavunu
gabriele soro on Su Cavunu
Roberto Concu on Considerazioni sulla Shoah
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Tonino Sitzia on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on distillato n°60
Alessandra Nateri Sangiovanni on Bibliomula
Alessandra Nateri Sangiovanni on distillato n°60