17 Aprile 2021
No menu items!

L’Urlo

Forse è meglio

abbassare  il capo,

e silenziosi i toni,

quando dalle vetrate

di ghiaccio

e dalle finestre

come occhi aperti

non appaiono

mani

a salutare,

solo lo sgomento

di  cosa c’è oltre,

nel formicaio

di dolore, solitudine,

affanni,

uomini e donne

solerti al sacrificio,

sollecitudine,

conforto,

dai che ce la fai,

e poi più di qualcuno

all’estrema dimora

se ne va

in punta di piedi

lontano dai cipressi

amici.

Dove le trovi

le parole giuste

a descrivere quanto accade,

come attimo eterno,

la corsa delle rosse croci

nelle strade

deserte di coprifuoco,

o gli atomi in fila

dentro bolle

salvifiche,

o ancora il ballo

dei numeri

o le occhiaie

dei turni infiniti,

piccola luce

nel buio.

Solo le immagini

restano forse

a dare idea

dello strazio.

E allora nella mente

prende forma

l’urlo di Munch.

 

30 Marzo 2020

RELATED ARTICLES

Dal balcone

Meteo-ironia

2 Commenti

  1. Grazie Gabriele: commenti sempre graditi e utili i tuoi a cogliere il senso della poesia: il dolore come tratto distintivo della condizione umana…oggi più che mai

  2. Versi brevi, spezzettati, tesi (quelli più lunghi sono settenari, pochi) come lampi di luce a contrastare il morbo.
    La poesia chiude con l’immagine de “L’urlo” di Munch emblema dell’angoscia dell’uomo.
    Il paesaggio del quadro, assieme alla figura in primo piano, diventano tutto un urlo, fremono e si torcono.
    Lo stesso Munch riferì che un giorno mentre passeggiava nell’ora del crepuscolo sentì che “un grande urlo infinito pervadeva la natura”.

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Marina Cozzolino on Attesa
Martino Marangon on Statuto
Marina Cozzolino on La giornata della Memoria
Gabriele Soro on Migranti
Gabriele Soro on Sera
Gabriele Soro on Il mito Maradona
Marina Cozzolino on Da una finestra
Marina Cozzolino on Tre settimane di primavera
Tonino Sitzia on Ricordi e odierno tran tran
Gabriele Soro on Tre settimane di primavera
Marina Cozzolino on Ricordi e odierno tran tran
Marina Cozzolino on Maria Lai
Gabriele Soro on Haiku e brevi riflessioni
Tonino Sitzia on Ancora una intervista
Marina Cozzolino on Che fare?
Tonino Sitzia on 25 aprile
Marina Cozzolino on 25 aprile
Gabriele Soro on 25 aprile
Marina Cozzolino on Da un’intervista e da un libro
marina cozzolino on Pasca Manna
Tonino Sitzia on Tautogramma con C
Gabriele Soro on Tautogramma con C
Tonino Sitzia on L’Urlo
Gabriele Soro on L’Urlo
Angelica on La Poesia
Tonino Sitzia on La giusta ansia
Marina Cozzolino on La giusta ansia
Tonino Sitzia on Ma tu ci credi?
Tonino Sitzia on LA FARFALLA E LE ROSE
Marina Cozzolino on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on LA FARFALLA E LE ROSE
Pinuccio on Frammenti di versi
Gabriele Soro on Poeti e poesie
Marina Cozzolino on Patagonia
Gabriele Soro on Il ritorno
Tonino Sitzia on Oblio e memoria
Marina Cozzolino on El despertar de Chile
Gabriele Soro on El despertar de Chile
Ximena Valenzuela on El despertar de Chile
Rosa Pina Mura on Le umili piante de Su Stani
gabriele soro on Le umili piante de Su Stani
Marina Cozzolino on Latitudini
Monica Fontanarosa on L’immenso (Antonio Pasquetto)
Marina Cozzolino on Haiku
Tonino Sitzia on La Terra Azzurra
Tonino Sitzia on Su Cavunu
gabriele soro on Su Cavunu
Roberto Concu on Considerazioni sulla Shoah
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Tonino Sitzia on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on distillato n°60
Alessandra Nateri Sangiovanni on Bibliomula
Alessandra Nateri Sangiovanni on distillato n°60