17 Aprile 2021
No menu items!
Home Rubriche Racconti Al tempo del morbo: brevi considerazioni in forma di racconto

Al tempo del morbo: brevi considerazioni in forma di racconto

L’ombra del Morbo ha preso ad accompagnare i miei sogni.
Capita che uscito da un sogno affannoso, al risveglio, la ripresa della realtà non da poi il sollievo e la rassicurazione attesa.
Torna il pensiero di tutta l’Umanità oppressa sotto la coltre della Malattia e molti, moltitudini, soffocano e muoiono. Questo pensiero mi riafferra i visceri.
Mi sveglio nel cuore dell’alta notte e il silenzio mi avvolge ed è intriso di sconcerto e di paure incombenti.
I mattini lividi portano l’ansia alle soglie dell’angoscia. I mattini, invece, radiosi di sole hanno indosso una veste di luce a nascondere e velare un’intima mestizia: pare mi invitino a una festa – la festa della beffa e dell’inganno e , comunque, prospettiva di festa.
Non mi pesa tanto l’isola-casa, isola senza mare, senza orizzonte (a cercare con immaginazione spazi, percorsi, orizzonti, ci possono aiutare anche i libri delle nostre case, lì che aspettano).
Non mi pesa tanto la costrizione domiciliare, l’uscire solo due, tre giorni la settimana per l’approvvigionamento alimentare.
Sin dall’infanzia – ormai sono tant’anni e i pochi capelli rimasti son tutti grigi – ho conosciuto e fatto pratica di solitudine.
Mi pesa molto, invece, l’ombra della morte virale che si espande invisibile, silenziosa, inesorabile…
Mi pesa e molto mi inquieta questa dimensione mondo del male che aggredisce la salute arrivando a privarci della nostra stessa capacità di respirare…
Ma se di tutto ciò – detto sopra – ne scrivo vuol dire che ho guardato con occhi fermi, senza infingimenti: piccola, inadeguata, ma già una forma di resistenza.

Articolo precedenteSorriso
Articolo successivoL’Urlo
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Marina Cozzolino on Attesa
Martino Marangon on Statuto
Marina Cozzolino on La giornata della Memoria
Gabriele Soro on Migranti
Gabriele Soro on Sera
Gabriele Soro on Il mito Maradona
Marina Cozzolino on Da una finestra
Marina Cozzolino on Tre settimane di primavera
Tonino Sitzia on Ricordi e odierno tran tran
Gabriele Soro on Tre settimane di primavera
Marina Cozzolino on Ricordi e odierno tran tran
Marina Cozzolino on Maria Lai
Gabriele Soro on Haiku e brevi riflessioni
Tonino Sitzia on Ancora una intervista
Marina Cozzolino on Che fare?
Tonino Sitzia on 25 aprile
Marina Cozzolino on 25 aprile
Gabriele Soro on 25 aprile
Marina Cozzolino on Da un’intervista e da un libro
marina cozzolino on Pasca Manna
Tonino Sitzia on Tautogramma con C
Gabriele Soro on Tautogramma con C
Tonino Sitzia on L’Urlo
Gabriele Soro on L’Urlo
Angelica on La Poesia
Tonino Sitzia on La giusta ansia
Marina Cozzolino on La giusta ansia
Tonino Sitzia on Ma tu ci credi?
Tonino Sitzia on LA FARFALLA E LE ROSE
Marina Cozzolino on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on LA FARFALLA E LE ROSE
Pinuccio on Frammenti di versi
Gabriele Soro on Poeti e poesie
Marina Cozzolino on Patagonia
Gabriele Soro on Il ritorno
Tonino Sitzia on Oblio e memoria
Marina Cozzolino on El despertar de Chile
Gabriele Soro on El despertar de Chile
Ximena Valenzuela on El despertar de Chile
Rosa Pina Mura on Le umili piante de Su Stani
gabriele soro on Le umili piante de Su Stani
Marina Cozzolino on Latitudini
Monica Fontanarosa on L’immenso (Antonio Pasquetto)
Marina Cozzolino on Haiku
Tonino Sitzia on La Terra Azzurra
Tonino Sitzia on Su Cavunu
gabriele soro on Su Cavunu
Roberto Concu on Considerazioni sulla Shoah
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Tonino Sitzia on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on distillato n°60
Alessandra Nateri Sangiovanni on Bibliomula
Alessandra Nateri Sangiovanni on distillato n°60