23 Ottobre 2021
No menu items!
HomeRubricheRaccontiPrimavera 1973

Primavera 1973

ESERCIZIO N°10

Primavera 1973

“Le parole possono essere precise anche al punto di apparire piatte, l’importante è che siano cariche di significato; se usate bene, possono toccare tutte le note”
Raymond Carver

– Avete presente quel certo sentore di primavera, quegli alberi e quei virgulti che, prima ancora dell’uomo, sembrano intuirne l’arrivo, quei colori della natura che torna al risveglio, quelle giornate che guadagnano la luce, quelle nuvole capricciose che svolazzano rapide nel cielo limpido, quel ticchettio di pioggia leggera…Non vi sembra che anche il nostro corpo reagisca e si prepari ai cambiamenti delle stagioni…come un qualsiasi essere animato…
-O su Professori…in tottu custa poesia mancat sa pippia…dov’è la donna? Non è la donna la primavera dell’uomo?…
-Vede Mali Pigau…lei mostra una certa sensibilità poetica…è vero…quando vediamo una una ragazza e una donna sorridere e camminare con passo svelto nella strada, o quando timidamente ci guarda…allora stiamo meglio…forse è nelle piccole cose la felicità?
– Oi seus partius mali…tuttu crupa de su professori…
– Certu…ita c’intrat sa poesia cun su bar?.. labai ca lo scopone scientifico est cosa seria… depeus abarrai allutus cun is cartas… … tottu custu scimingiu chi ndi bogat a pillu su professori…cunfundit is ideas…
– Deu du nau accallonamentu de poesia…
Primavera d’intorno brilla nell’aria, e per li campi esulta, si ch’a mirarla intenerisce il core…est s’unica arrogall’e poesia chi m’est abbarada in conca…poita a su maistru di praxiant in contisceddu de arregordai a memoria…- L’allampanato, in piedi e ritto come il campanile della chiesa, di genere silenzioso e a volte assente, disse la sua…
– O anima longa…immoi ti nci ses ammollau!…bellu contisceddu…
-Non è unu contisceddu come dite voi…is contisceddus ..di quei contus de foghile per bambini e adulti da sempre in uso in Sardegma… questi sono versi bellissimi del nostro grande Leopardi…una poesia filosofica, Il passero solitario
– Immoi chistionaus de crucculeus…seus arribaus a puntu bonu…
-Ma is crucculeus funti sempri in cricca…sempri unu con s’atru po si fai cumpangia…ita est custu crucculeu solitario?…
-Leopardi parla di una specie particolare…per sua natura solitaria…una solitudine inconsapevole, che non conosce il dolore…paragonandolo al poeta che sceglie la solitudine, si allontana da ogni diletto, gioco o amore, consapevole della fuggevolezza del tempo…e così passa la sua primavera senza averla goduta…ma poi… Che sarà di questi miei anni? Cosa di me stesso? Ahi, mi pentirò, e spesso, sconsolato, mi volterò indietro…
-O su professori –disse Mali Pigau- ma du sciri ca su tempus est cosa mala, diaderus…mi parit ariseru… s’ind’arregordais candu andamus a si fai su bagnu in s’arriu…accanta de su sciundorau…o accanta de Batteria in su stani…spollincus e prexiaus…e immoi? Castiasì…brenti manna… peddi frunzia…ogus studaus…
– Eia mi d’arregordu!… tui spollincu…cun cussu zirringoneddu in mes’e is cambas…
– Tenit arrexoni su poeta e tenit arrexoni Mali Pigau…cussus fiant tempus! Giogammus a furrisca e a cuaddus fortis… ma giai cumenzamus a castiai is piccioccheddas…fiat bellu sceti a d’as castiai…
– Inzandus, mi d’arregordu beni…su dominigu ci fiat sa passillada in su stradoni…feminas de una parti e ominis de s’atra…ma si parit una cosa normali?…Oi est tottu un’atra cosa… atru che castiai…immoi apprapuddant de giovuneddus…atru che poesia…
– Ma tui, o su driblador’e sa bidda, oi ti biu studau…sa poesia non est cosa po tui?…
– Deu seu de accordiu…su tempus est cosa mala…currit prus de Ghento…e de mei candu femmu picciocheddu…
– Forsis ses chistionendi del vento…ollu nai… il tempo corre come il vento…dico bene o su professori?
– Non eis cumprendiu nudda…deu seu chistionendi de Ghento…la più grande ala sinistra della storia…l’ala sinistra delle furie rosse…
-Mai intendiu custu Ghento…o Mali Pigau…tui ca ses un’enciclopedia de su palloni… non mi neristi ca non connoscisi ziu Ghento…
– Seis burricus…chi si ndi bogant su lillu bellu seis frigaus… -disse Mali Pigau rivolto ai cartari…Francisco Ghento fiat s’ala sinistra de sa Spagna e de su Real Madrid …tanti po si cumprendi immoi si nau is nominis de s’attaccu de su Real…Kopa, Mateos, Di Stefano, Puskas, Ghento…anti bintu po cinq’annus de sighiu sa coppa dei campioni…non s’est prus bia una squadra aicci forti…
– Immoi ollu nai una cosa…primu: ita c’intrat custu Ghento cun sa poesia? Segundu: ma cumenti fais a nai ca cussu piccioccu spagnolu est la più grande ala sinistra della storia? Ma candu mai!…e GiggiRRiva innui du poneus?…Ma stiamo scherzando? Rombo di tuono est su mellus…
– Ogni epoca ha i suoi miti…è difficile fare confronti tra passato e presente…concorda con me Mali Pigau?…
– Certu…labai ca Ghento s’est arretirau de dus annus…Riva est ancora gioghendi…e poi funti diversus…unu fiat unu lampu…fadiat is centus metrus in undisci secundus…Riva est unu trenu, una forza della natura…
– Giggirriva est lampu e trenu…est forti cumenti unu cuaddu e lestru cumenti una léppiri…
– O Efisio…birra al popolo!…accosta pagu pagu ca ti depeus interrogai…tu che sei studiato…portaci la quattro mori…la de no ti cunfundit cun su cotel inventau de tui…
Efisio, che ormai si era abituato alle battute dei buontemponi dello scopone scientifico, si avvicinò…
-Ditemi pure…non ho molto tempo…devo stare al banco…
– O Efisiu…segundu tui est prus forti Giggirriva o Ghento, su spagnolu ca custu scempiau de Su Driblador’e sa bidda narat chi siat la più grande ala sinistra della storia?
– Francamente casco dalle nuvole…non sono un intenditore di calcio…mi piace il basket… così…un po’ per sentito direi…e anche perché sono sardo…direi che il più forte è GiggiRRiva…
– O Efisiu tui as fattu unu cursu de barrista, ma ita ndi nasa de fai unu cursu de palloni cun Mali Pigau…la ca ndi sciri prus de Carosio…e ti du fait gratis…
– Eh no! Prima de tottu Efisiu tenit abbisongiu de unu cursu de sardu…chistionat sempri s’italianu…casco dalle nuvole…ditemi pure… direi che…ma chi sigheus diaici la lingua dei padri…sa lingua de is antigus …andat a si tundi…
– È un processo inserosabile…la scomparsa delle lingue minoritarie…vedete…se i bambini…e i giovani, anche perché vanno a scuola…, non parlano il sardo come la loro lingua madre viene a mancare la fondamentale trasmissione orale che unisce le generazioni e consente il perpetuarsi delle lingue…per non parlare poi della scrittura…
– D’as intendieu a su professori o Efisiu?…scummittu ca mamma tua chistionat su sardu e tui ndi tenis bregungia…
-Non è proprio così…a dire il vero mamma e babbo tra loro parlano il sardo…e con me l’italiano…
– Ecco… vedete già qui si è interrotto un anello…poi Efisio quando si sposerà parlerà con i suoi figli in italiano e loro faranno altrettanto…e così dimenticheremo il sardo…per sempre…
– E tui Mali Pigau? Pari de d’intendi a zia Arega a mengianu candu ti ndi scidat…bambino mio…è ora di svegliarti…vieni…la colazione è pronta… devi andare a lavorare…
-Eja! Mamma mia a mengianu chizzi s’accostat a su lettu e cumenzada cun s’alleluja…”prova a nd’arrui de su lettu ca est gia crasi!…bogandi sa conca de asutt’e su coscinu…e operri sa fentana ca c’est fragh’e musci musci…ma la ca ses scempiau…non si ponint is crapitas asut’e e su lettu!…ajò la ca oi tenis una bella giornada de manorba…”
– Eccu…custa est poesia…o su professori…si ponit nai ca zia Arega ndi scutulat su priogu a Mali Pigau?
– Il sardo, tutte le lingue del popolo sono bellissime….un’espressione come quella…e come può essere resa in italiano?…
– Ajò torraus a giogai…Efisiu cumenti depeus ordinai su petroliu?…Birra al popolo o birra alle masse?…
– Perou non eis ancora arrespustu a sa domanda de prima…ita c’intrat Ghento cun sa poesia…?
– Su palloni est sa poesia de is poburus…unu andat a sa partida e si ndi scarescidi de tottu…
un’ atru nascit poburu in d’una barracca brasiliana..e podit diventai Garrincha…unu currit unu palloni e po tres oras est prexiau…
-Il gioco fa parte di noi…se smettiamo di giocare siamo già morti…ma lo sapete che l’apprendere attraverso il gioco è suggerito anche dai pedagogisti?….e poi in fondo anche la vita è un gioco con la morte…
– Lassamì toccai gli zebedei!…si dice così o su professori? …Ma lassaus a perdi sa morti…po caridadi…
– Sono d’accordo con il nostro Su Driblador’e sa Bidda…il gioco è poesia…le corse, le finte, i tunnel, le geometrie, le parabole, gli effetti, i cross, i lanci millimetrici, il gol, l’adrenalina per la vittoria e la sconfitta…
— O su professori…poneisì de accordiu fustei cun fustei…si nd’arregordat candu s’annu passau femus arrexonendi de su Cagliari, de is tifosus scadenaus…de Carlo Felice bardau de rossoblu…e fustei nd’iat bogau unu fueddu de latinobus…
– Avevo citato una frase del poeta latino Giovenale panem et circenses…i potenti usano il pane e i giochi da circo per far dimenticare al popolo i problemi e tenerlo sottomesso…
– Ma candu mai una partida de palloni mi faidi scaresci is cazzus mius…
Fu proprio in quel momento che entrarono nel bar due ragazzine. Ci fu un attimo di stupore quando si sedettero ad un tavolino. Una di loro fece un timido sorriso a is ominis che discutevano animatamente di calcio e poesia, l’altra fece un cenno con la mano verso il bancone a chiamare Efisio…
Il barman si avvicinò prontamente sistemando sul tavolino un piccolo calice con una rosa rossa che dava un tocco di leggiadria alla scena.
– Ma cussu frori de innui nd’e bessiu? Disse l’allampanato…
– Ma cussa non est filla tua? Est crescia e belliscedda meda…disse Mali Pigau
-Non est cosa po tui..non ti pongas cosas in conca…ses troppu becciu…
Uno dei quattro dello scopone si alzò di scatto e si avvicinò al tavolino delle ragazze…
-Ma la ca custu non est logu po picciocheddas…e mamma tua du sciri?
– O babbo, ma che male c’è?…Ormai i tempi stanno cambiando…
– Ascurta…buffaisì s’aranciata e poi subitu a domu…stuppainci de su bar…
Efisio intanto sistemava un altro piccolo calice in un altro tavolino.
Poco dopo entrò nel bar una ragazza…mai vista prima…una minigonna appena accennata….un viso sardo dagli occhi neri di ossidiana, senza alcuna vergogna in quel luogo di maschi si avvicinò al banco, si protese verso Efisio…lo baciò con trasporto…e si sedette al tavolino che era stato evidentemente preparato solo per lei.
Si respirava in quel luogo di riti consuetudinari un che di nuovo…il chiacchiericcio sopratono del bar si era fatto più sommesso… era come se la primavera si fosse affacciata timidamente nel bar tra il fumo e l’acre odore della sambuca e dell’anice.

Tonino Sitzia
Luglio 2015

Articolo precedenteIL CUGINO COMUNISTA
Articolo successivoIl ragazzo greco
Articoli correlati

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti