Wednesday 03rd June 2020,
Equilibri Circolo dei lettori di Elmas

Pasca Manna

Tonino Sitzia 6 Aprile 2020 Poesie 1 commento su Pasca Manna

Is pàrdulas, tradizionale dolce pasquale nella tradizione sarda

 

Tottu pigau de iscuru pensamentu

girendi  m’agattu in s‘apposentu,

su coru appensantiu e affriggiu.

Ma  candu de sa fentana biu s‘infiniu,

non parit berus, est prus mannu

de sa praza in Pasca Manna,

cun sa genti bistia in pompa manna

chi andat e torrat e donat sa manu,

apettendi de s’Incontru sa torrada,

ciacciarrendi benimindi de s’annada,

de traballu mancau e de cascia integrada,

de fillus e fillas in logu strangiu,

ca su mundu est prus mannu de su bixinau.

E cancun emigrau contat spantu

de logu allenu faendi vantu.

Arriendi e currendi pippius e pippias

pensendi giai  a sebadas e pardulas.

E inzandus torru deu puru a essi pippiu

giogendi a mammacua in s’or’e s’arriu,

e a tipu astronauta curru in su tempus

candu tottu is cosas parianta mellus…

Ma poi comenti una rima arretrogada

torrat su motivu de s’impunnada,

torrat a s’affacciai s’iscuru pensamentu,

sighendi a girai po tottu s’apposentu,

poita cumenti narat su poeta a Nanneddu

su mundu est gai,
a sicut erat
non torrat mai.

 

Tutto assorto nei miei pensieri

mi trovo a girovagare nella stanza

Il cuore appesantito e affranto.

Ma quando dalla finestra guardo l’infinito

non sembra vero come esso appaia

più grande della piazza nel giorno di Pasqua

con la gente vestita in pompa magna

che va e viene e si dà la mano

in attesa del ritorno dell’Incontro,

chiacchierando benignamente dell’annata,

del lavoro che manca e della cassa integrazione,

dei figli e delle figlie in luoghi lontani,

perché il mondo è più grande del vicinato,

e qualche emigrato racconta meraviglie

di luoghi stranieri facendo vanto.

Ridono e corrono i bambini e le bambine

E già pensano alle sebadas e alle pardule.

E allora anch’io torno bambino

Quando giocavo a nascondino

sui bordi del fiume,

e come un’astronauta viaggio nel tempo,

quando le cose sembravano migliori…

Ma poi,come una rima retrogada,

torna il motivo dell’inizio

tornano ad affacciarsi scuri i pensieri

continuando a girovagare per la stanza

perché come dice il poeta di Nanneddu

“cosi va il mondo:
com’era un tempo
non sarà più”.

Autore

1 Comment

  1. marina cozzolino 7 Aprile 2020 at 19:34

    Mi ha commossa la tua poesia. Bella in dialetto e bella in italiano. Il ricordo dei giorni di festa, della convivialità, dei figli lontani, ci fa stare male. Nonostante i nostri sforzi per elaborare pensieri positivi, i nostri cuori sanno che il mondo com’era non sarà più.

Scrivi un commento