Sunday 21st April 2019,
Equilibri Circolo dei lettori di Elmas

SI CUSTU EST UN’OMINE

Circolo Equilibri (Redazione) 5 Febbraio 2019 Poesie Nessun commento su SI CUSTU EST UN’OMINE

Cagliari 1 febbraio 2019. Aula Magna del Liceo Euclide. Gli studenti che hanno partecipato al Progetto di Alternanza Scuola Lavoro leggono brani tratti da “Un ragazzo ebreo nelle retrovie” di Luigi Fleischmann, curato da Claudio Facchinelli.

(In occasione della Giornata della Memoria pubblichiamo una versione in logudorese della poesia con cui Primo Levi introduce il suo “Se questo è un uomo”, uno dei libri più importanti del secondo Novecento. La trascrizione in sardo è di Peppino Floris, cultore di poesia e tra gli animatori del Concorso Letterario che annualmente si tiene a Tonara e che è dedicato a Peppino Mereu).

SI CUSTU EST UN’OMINE

Osateros chi seis trancuillos
in cussos fogiles caentes
osateros chi arrecuinno su merie
agatais gena caente e caras istimadas:

cunsiderae si custu est un’omine
chi trabballat in su ludu
chi non connoschet page
chi tribulat po unu biculu ‘e pane
chi morit po unu emo o unu no

cunsiderae si custa est una femina
chentza pilos e chentza lumene
chentza prus fortza po arregodare
cun is ogos buidos e is intragnas fritas
comente un’arrana in s’ierru.

Ponie conca ca totu custu est capitau:
bos impogno custos foeddos.
Ponieddos in coro a iscrapeddu
arregordaeddos in domo o in caminu,
crocanno o pesanno
ripetieddos a is figios.

Chi nono sa ‘omo nn’orruat
sa maladia bos atzeghet
is figios furrient sa cara frastimanno.

Peppino Floris

Gennaio 2019

L’originale di Primo Levi

Voi che vivete sicuri/nelle vostre tiepide case,/voi che trovate tornando a sera/il cibo caldo e visi amici:/Considerate se questo è un uomo/che lavora nel fango/che non conosce pace/che lotta per mezzo pane/che muore per un si o per un no./Considerate se questa è una donna,/senza capelli e senza nome/senza più forza di ricordare/vuoti gli occhi e freddo il grembo/come una rana d’inverno./Meditate che questo è stato:/vi comando queste parole./Scolpitele nel vostro cuore/stando in casa andando per via,/coricandovi, alzandovi./Ripetetele ai vostri figli./O vi si sfaccia la casa,/la malattia vi impedisca,/i vostri nati torcano il viso da voi.

Scrivi un commento