17 Aprile 2021
No menu items!

Tempus

Orologio astronomico nella torre del Municipio di Praga (1410)

Tempus

Obia frimmai su tempus
Poitta non bastat mai
po imparai a bivi,
connosci de su mundi
d’onnia curiosidadi,
de tottu is cosas
allogai sa memoria
e s’arregordu

Obia frimmai su tempus
po connosci de mei e tottu,
e de sa genti de su mundu
cumprendi e cumpadessi,
e de de cumenti s’omini sunfrit
de candu, pippiu, ndi bogat
spantau sa conch’e su saccu

Obia frimmai su tempus
po cumprendi is feminas,
ca ndi scindi sempri de prus
de su misteriu de sa vida
c’anti creau cun sanguini,
e cun zerrius de daboris,
e de su mundu portant su pesu

Obia frimmai su tempus
po ascurtai sa gioventudi,
liggi in is ogus alluttus
pensamentus e timorias
de no porri frimmai
su bolidu curtzu e lebiu
de mariposa prexiada

Obia frimmai su tempus
po imbecciai,
po contai s’arrosariu
de is annus a is pippius,
e su contai passienziosu
est su fueddu
inventau de is ominis
po imbrolliai sa morti

Tempo

Volevo fermare il tempo
per imparare a vivere
avere curiosità
di ogni cosa del mondo
e conservarne la memoria
e il ricordo

Volevo fermare il tempo
per conoscere me stesso
e della gente del mondo
comprendere e compatire,
e di come l’uomo soffre
da quando, neonato, si affaccia
al mondo con meraviglia

Volevo fermare il tempo
per capire le donne,
che ne sanno di più
del mistero della vita
che hanno creato col sangue
e con grida di dolore,
e del mondo portano il peso

Volevo fermare il tempo
Per ascoltare i giovani,
leggere negli occhi luminosi
i pensieri e i timori
di non poter fermare
il volo breve e leggero
di una farfalla gioiosa

Volevo fermare il tempo
per invecchiare,
per raccontare ai bambini
il rosario degli anni,
e quel racconto paziente
è parola
inventata dagli uomini
per ingannare la morte.

Tonino Sitzia

RELATED ARTICLES

Dal balcone

Meteo-ironia

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Marina Cozzolino on Attesa
Martino Marangon on Statuto
Marina Cozzolino on La giornata della Memoria
Gabriele Soro on Migranti
Gabriele Soro on Sera
Gabriele Soro on Il mito Maradona
Marina Cozzolino on Da una finestra
Marina Cozzolino on Tre settimane di primavera
Tonino Sitzia on Ricordi e odierno tran tran
Gabriele Soro on Tre settimane di primavera
Marina Cozzolino on Ricordi e odierno tran tran
Marina Cozzolino on Maria Lai
Gabriele Soro on Haiku e brevi riflessioni
Tonino Sitzia on Ancora una intervista
Marina Cozzolino on Che fare?
Tonino Sitzia on 25 aprile
Marina Cozzolino on 25 aprile
Gabriele Soro on 25 aprile
Marina Cozzolino on Da un’intervista e da un libro
marina cozzolino on Pasca Manna
Tonino Sitzia on Tautogramma con C
Gabriele Soro on Tautogramma con C
Tonino Sitzia on L’Urlo
Gabriele Soro on L’Urlo
Angelica on La Poesia
Tonino Sitzia on La giusta ansia
Marina Cozzolino on La giusta ansia
Tonino Sitzia on Ma tu ci credi?
Tonino Sitzia on LA FARFALLA E LE ROSE
Marina Cozzolino on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on LA FARFALLA E LE ROSE
Pinuccio on Frammenti di versi
Gabriele Soro on Poeti e poesie
Marina Cozzolino on Patagonia
Gabriele Soro on Il ritorno
Tonino Sitzia on Oblio e memoria
Marina Cozzolino on El despertar de Chile
Gabriele Soro on El despertar de Chile
Ximena Valenzuela on El despertar de Chile
Rosa Pina Mura on Le umili piante de Su Stani
gabriele soro on Le umili piante de Su Stani
Marina Cozzolino on Latitudini
Monica Fontanarosa on L’immenso (Antonio Pasquetto)
Marina Cozzolino on Haiku
Tonino Sitzia on La Terra Azzurra
Tonino Sitzia on Su Cavunu
gabriele soro on Su Cavunu
Roberto Concu on Considerazioni sulla Shoah
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Tonino Sitzia on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on distillato n°60
Alessandra Nateri Sangiovanni on Bibliomula
Alessandra Nateri Sangiovanni on distillato n°60