Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
13 Luglio 2024
No menu items!
HomeSenza categoriaNel Grande Nord cileno - Viaggio in tre puntate (II)

Nel Grande Nord cileno – Viaggio in tre puntate (II)

Il porto dei pescatori di Arica

A pochi passi dal “Ferrocarril de Arica a La Paz”, la vecchia stazione ferroviaria, ora purtroppo dismessa, che collegava Arica alla capitale boliviana, scorre frenetica l’attività portuale della città.
Enormi gru movimentano le operazioni di carico e scarico dei container nelle navi mercantili e poderosi Tir assicurano lo smistamento delle merci da e per l’interno di questa parte del continente sudamericano. Si dice che circa 500 camion al giorno percorrano la strada che collega il mare a La Paz attraverso i pericolosi tornanti che si inerpicano sulla cordigliera fino a 4000 metri tra paesaggi desertici mozzafiato.
Tra gru e container, giganti della modernità comuni a tutti i porti industriali del mondo, sopravvive, come un miracolo, il piccolo porticciolo dei pescatori artisanales di Arica. Qui il tempo si è fermato, i ritmi si fanno lenti, segnati dai tempi del mare, che spesso dà e più di qualche volta prende.
I pescatori hanno i loro box per il rimessaggio delle reti e delle attrezzature da pesca, hanno un piccolo hangar dove calafatare, riverniciare le barche e fare la messa a punto dei motori.
All’aperto, su dei tavoli poggiati sul molo, scaricano il pescato e con le loro mani esperte spellano e puliscono i grossi pesci, che verranno poi distribuiti nei ristoranti della città e nel piccolo mercato attiguo. Il ventrame e qualche residuo vengono rigettati in mare, contesi e rapidamente inghiottiti da frotte di leoni marini.

Lobos marino
“Lobo” marino (leone marino) nel porto di Arica

I leoni marini, per i cileni lobos marinos, flessuosi e leggeri in acqua, e mai sazi, goffamente tentano a volte di salire sul molo per ripulirlo di altri scampoli di pesce, ma i cani dei pescatori abbaiano e scodinzolano per ricacciarli in mare.
I lobos li osservano con i loro grandi occhi lagrimosi, non hanno voglia di fare battaglie e sembrano snobbare il loro forsennato abbaiare. Così si rigettano nel loro elemento naturale, grugniscono ed emettono gutturali lamenti quasi a voler dire che con un colpo di coda potrebbero frantumarli.
Anche i pellicani assistono allo spettacolo e partecipano attivamente al banchetto. Appollaiati sulle ringhiere che a tratti delimitano il molo, o sui tetti dei box o dell’hangar, osservano con apparente aria distratta e indolente. A volte zampettano zoppicanti sulla terraferma con le loro grandi zampe palmate, sono goffi e buffi con quei grossi becchi che si ritrovano, ma all’improvviso spiccano il volo leggeri e rapidi, tuffandosi a contendere ai lobos i resti del pescato.

Pellicani nel molo
Pellicani nel molo

Le barche dei pescatori puntellano il porticciolo dei loro colori a tinte forti, giallo, rosso, azzurro e ciascuna di esse, ai fianchi o a poppa, ha un suo nome, quasi una carta di identità. Si tratta perlopiù di nomi di donna: Princesa, Doña Justa, Leonor, Melina, Alejandra, Isaura, ma anche Don Esteban, Gringo Pablo, Mar Caribe…Amori o nomi propiziatori per ingraziarsi gli Dei del mare?
Da qualche tempo i pescatori sono in stato di agitazione. Protestano civilmente perché Nuestra Señora la Modernidad vorrebbe cacciarli dal porticciolo e spostarli nella caletta Quiane a 4 km da Arica.
Il titolo di un loro manifesto affisso all’ingresso del porto è esplicito “ No al traslado de la caleta de pescadores artesanales al lado las pesquieras, en caleta Quiane”. Il manifesto poi prosegue “Como pescadores artesanales siempre nos ha preocupado la vida marina y hemos apoyado con todo lo que esta a nuestro alcance la protecciòn de la biodiversidad, fuimos los primeros en reconocer y protejer la colonia de tortugas en la desembocadura del rio San José…”

Le richieste dei pescatori
Le richieste dei pescatori

Anche i pescatori, a modo loro, fanno parte della umana biodiversità, e condividono il destino delle piccole tortugas minacciate dall’inquinamento.
La loro è una battaglia in salita, chi potrà difenderli? Si riuscirà, e ancora per quanto tempo, a vedere e mangiare le machas, le ceviche de corvina, el Chupe de mariscos, la reineta, l’albacora (il pez espada), le enormi cozze, e le altre prelibatezze della cucina marinara del Cile?
Si dice che il vecchio molo diventerà un elegante pied a terre per croceristi danarosi e annoiati.
Forse gli ariqueños, allora, si sentiranno più ricchi, ma avranno perduto un pezzo della loro storia e della loro anima.

Tonino Sitzia
Agosto 2015

Articolo precedenteDomeniche remote
Articolo successivoFESTA DEI LETTORI 2015
Articoli correlati

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti