20 Ottobre 2021
No menu items!
HomeRubrichePoesieBeranu/Primavera

Beranu/Primavera

Beranu
Stasoni de mariposas
chene pasiu de frori in frori,
stasoni de nebideddas,
stasoni de tzibìnas,
is matas torra totu pillonadas,
stason’e nius,
stason’e babbaucius
-totu unu codda codda-
stasoni de poddipoddis,
stasoni de zumius,
beranu sartia sartia,
stasoni ischinta,
beranu bolanderu.
Cardaneras càlant
aintr’e mesu de su caregantzu,
cruculeus stragatzeris
e su passarillanti in s’albaru lanosu
-scidu po mori de sa luna-
chi a totu noti càntat.
mariposas a cabor’e tzafaranu
pàssant galanas truessu
de arrecias arruinadas…
Ohi, beranu birdi e friscu:
anch’est prus callagalla
prus nc’at a essi
faina po gomai morti.

Primavera
Stagione di farfalle
senza sosta di fiore in fiore,
stagione di nebbioline,
stagione di pioggerelle,
gli alberi di nuovo tutti ingemmati,
stagione di nidi,
stagione d’insetti
-tutto un accopiarsi-
stagione dei pollini,
stagione di ronzii,
primavera saltarella,
stagione discinta,
primavera incostante.
Cardellini scendono
in mezzo ai fior d’oro,
passeri in gazzarre
e l’usignolo sul pioppo lanoso
-sveglio a causa della luna-
che a tutta notte canta.
Farfalle color del zafferano
passano leggiadre attraverso
cancellate arrugginite…
Ahi, primavera verde e fresca:
dov’è più brulicante
più ci sarà
lavoro per comare morte.

Articoli correlati

Autunno

Avanguardie

Dal balcone

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti