sabato, Aprile 17, 2021
Home Attività Letture pubbliche Letture condivise #alicemunro #calvino #dick

Letture condivise #alicemunro #calvino #dick

Al calduccio nelle serate invernali, comodamente seduto in poltrona, sotto una luce soffusa e magari con un bicchiere di single malt da sorseggiare nei momenti clou. Sotto l’ombrellone d’estate, rigorosamente lontano dalla battigia e dai giochi da spiaggia, confortati da una refrigerante brezza di mare. Nel nostro immaginario il leggere è un atto privato al quale dedicarsi con tutto se stessi. Un’esperienza più esclusiva che inclusiva. Al più, una lettura da uno a molti se capita in uno spettacolo teatrale o nel corso di una presentazione.

Gli appuntamenti dedicati alla lettura pubblica è una proposta del Circolo che intende ampliare l’esperienza individuale della lettura. L’intento è quello di condividere le emozioni vissute durante la lettura di un romanzo o di un racconto, di far scoprire un autore ai più sconosciuto o riscoprire un classico. Ma soprattutto condividere impressioni e opinioni sulla lettura fatta.

La formula è semplice. Ognuno può proporre una lettura e il direttivo del Circolo da’ o meno l’ok. Per il momento ci si ritrova nella sala sopra la Biblioteca Comunale, dove il proponente legge a alta voce i brani del romanzo o del racconto scelto.

Abbiamo iniziato il novembre scorso con le lettura di Un anno sull’Altipiano di Emilio Lussu.

Seguita poi dalla lettura del racconto Il sogno di mia madre di Alice Munro e L’avventura di un lettore di Italo Calvino.

La prossima lettura pubblica è prevista per lunedì 22 giugno ore 18.15 presso la Sala della Biblioteca Comunale, in piazza di Chiesa 3. Leggeremo un racconto insolito e decisamente diverso da quelli finora proposti: Minority Report di Philip K. Dick!

 

 

RELATED ARTICLES

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Marina Cozzolino on Attesa
Martino Marangon on Statuto
Marina Cozzolino on La giornata della Memoria
Gabriele Soro on Migranti
Gabriele Soro on Sera
Gabriele Soro on Il mito Maradona
Marina Cozzolino on Da una finestra
Marina Cozzolino on Tre settimane di primavera
Tonino Sitzia on Ricordi e odierno tran tran
Gabriele Soro on Tre settimane di primavera
Marina Cozzolino on Ricordi e odierno tran tran
Marina Cozzolino on Maria Lai
Gabriele Soro on Haiku e brevi riflessioni
Tonino Sitzia on Ancora una intervista
Marina Cozzolino on Che fare?
Tonino Sitzia on 25 aprile
Marina Cozzolino on 25 aprile
Gabriele Soro on 25 aprile
Marina Cozzolino on Da un’intervista e da un libro
marina cozzolino on Pasca Manna
Tonino Sitzia on Tautogramma con C
Gabriele Soro on Tautogramma con C
Tonino Sitzia on L’Urlo
Gabriele Soro on L’Urlo
Angelica on La Poesia
Tonino Sitzia on La giusta ansia
Marina Cozzolino on La giusta ansia
Tonino Sitzia on Ma tu ci credi?
Tonino Sitzia on LA FARFALLA E LE ROSE
Marina Cozzolino on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on Ma tu ci credi?
Gabriele Soro on LA FARFALLA E LE ROSE
Pinuccio on Frammenti di versi
Gabriele Soro on Poeti e poesie
Marina Cozzolino on Patagonia
Gabriele Soro on Il ritorno
Tonino Sitzia on Oblio e memoria
Marina Cozzolino on El despertar de Chile
Gabriele Soro on El despertar de Chile
Ximena Valenzuela on El despertar de Chile
Rosa Pina Mura on Le umili piante de Su Stani
gabriele soro on Le umili piante de Su Stani
Marina Cozzolino on Latitudini
Monica Fontanarosa on L’immenso (Antonio Pasquetto)
Marina Cozzolino on Haiku
Tonino Sitzia on La Terra Azzurra
Tonino Sitzia on Su Cavunu
gabriele soro on Su Cavunu
Roberto Concu on Considerazioni sulla Shoah
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Tonino Sitzia on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on Le voci di Auschwitz
Gabriele Soro on distillato n°60
Alessandra Nateri Sangiovanni on Bibliomula
Alessandra Nateri Sangiovanni on distillato n°60