25 Luglio 2021
No menu items!
HomeRubricheRaccontiDistillato n°51

Distillato n°51

Passa sulle strade segrete della solitudine
un vento come sogno senza tempo.

Per Santa Caterina il pomeriggio alle cinque suonano le campane.
E torna sempre un vento pulito a Santa Caterina, il vento che fa luminoso il cielo e terse le colline la cui linea dalle case si può ancora guardare.
Tra maggio e giugno il cielo passa la no man’s land di stagione.
Suonano le campane per Santa Caterina, e quel suono agita memorie, immagini sommerse che tornano filigrana in trasparenza nell’aria. E con esse tornano i viaggi e le contrade d’un tempo, (che furono reali -la stanchezza di molto camminare, una scarpa stretta che ti ha tormentato, la delusione d’un posto, la sorpresa incantata d’un altro, qualche accenno di gioia…) tornano e si confondono con altri luoghi fatti di sogni notturni e delle immagini pulsanti dei desideri.
I desideri, questi inconcludenti e perenni sconfitti!
E il vento, il vento pomeridiano invade un paese assopito

Articoli correlati

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti