5 Agosto 2021
No menu items!
HomeRubrichePoesieGabriele Soro - Echi remoti

Gabriele Soro – Echi remoti

Il vento affolla alla finestra
voci e suoni della notte
vaganti la pianura.
E’ il rumore, è il pianto di genti
che finirono soccombute?
E’ il rotolìo dei carri,
il clangore nelle battaglie,
il brusio sospeso sui cadaveri
riversi nel silenzio del sole?
Sono i lamenti, sono i guai
di quei popoli antichi
triturati e scomparsi
nell’abisso del tempo?
E preme il vento
e gratta alla finestra
e rotola granelli di terriccio
e arbusti spinosi, il vento…
E l’inquietudine e l’ansia
seguono la scia delle folate.
2011

Articolo precedenteGabriele Soro – Haiku
Articolo successivoAnno nuovo – Beppe Roggio
Articoli correlati

Avanguardie

Dal balcone

Meteo-ironia

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti