7 Dicembre 2022
No menu items!
HomeRubrichePoesieUna odissea strana

Una odissea strana

Vidi allora ventenne e solo
dalle alture del Buoncammino
lenzuola stese al vento
su terrazze digradanti verso il mare.
Lenzuola bianche vele
ai miei pensieri gonfi d’ansie
sulle rotte incontro alle
incognite dell’alto mare sino
alla linea dell’orizzonte.
Vele ai  desideri ardenti  già presaghi
del loro imminente naufragio. 
Ancora metto passi sul colle
e guardo le terrazze e il mare come allora
senza salpare mai
- un Ulisse scialbo senza la meta Itaca
senza il viaggio.  Dimesso e sconosciuto
senza Circe senza Penelope.
E le sirene? Le sirene adesso
sussurrano da miriadi di smartphone
dove si sono con agio annidate.

Ottobre 2022
Articoli correlati

Rispondi

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome e cognome

TAG

I più letti